Ensemble di clarinetti Victoria de los Ángeles nella Basilica San Giuseppe al Trionfale

Il 18 Marzo sera, la Basilica San Giuseppe al Trionfale ha ospitato l’ensemble di clarinetti Victoria de los Ángeles accolti da Don Vladimiro.

L’ensamble, formato da alunni ed ex alunni del conservatorio di Musica Victoria de los Ángeles di Madrid, in questi mesi si è esibito in numerose città come Adamuz, Bilbao, Cordoba, Santa Olalla, Ubeda e il 18 sera, Roma.

Alta la partecipazione di pubblico della città che si è riversata nella Basilica già intenta nei preparativi per l’importante festa di San Giuseppe che rappresenta un importante momento per la comunità del territorio.

Il gruppo Victoria de los Ángeles ha recentemente registrato anche per un programma nella televisione spagnola.

Tra gli ospiti presenti in chiesa il compositore Vence Biscontin che ha potuto ascoltare l’esecuzione del suo brano “Novecentesca – Quadro 3”.

Presente anche il maestro Maurizio D’Alessandro che si è esibito con Carlos J. Fdéz Cobo nella interpretazione della Concertpiece di Michelle Mangani compositore e direttore d’orchestra.

La formazione
Clarinetti primi: Carlos Cano Barbacil, Manuel López Quintero, Francisco Navarro Miranda, Sara Risco Fernández.

Clarinetti secondi: Lucía Álvarez Ahijado, Irene González Pèrez, José A. Morales Muñoz, Jorge Torres López.

Clarinetti terzi: Patricia Delgado Jiménez, Ana Navarro García-Suelto, David Prats Ulloa, Paula Sanjuan Campos.

Clarinetti bassi: Miguel Parrondo Montón, Víctor Muñoz García.

Basilica San Giuseppe al Trionfale
La costruzione della Basilica avvenne sotto l’impulso di don Luigi Guanella, che poté contare sull’appoggio di papa Pio X, grande devoto del santo sposo della Madonna. Nel 1909, grazie ad alcuni finanziamenti privati, raccolti da don Guanella – giunto a Roma dalla Valtellina da un solo anno – e all’appoggio economico della Santa Sede, su progetto di Aristide Leonori, fu iniziata la costruzione di questo imponente edificio, sito in prossimità delle mura vaticane, nel popoloso quartiere Trionfale.

Oltre che nei suoi aspetti architettonici, la chiesa ha anche valore in campo urbanistico perché, con altre del quartiere e del contiguo rione Prati (in parte coevo), racconta di una tendenza anticlericale diffusa alla fine dell’800 nel neonato stato italiano che voleva, ponendosi in contrasto con il Vaticano, minimizzare l’importanza dei luoghi di culto, assegnando loro nei costruendi quartieri un lotto edilizio qualsiasi in allineamento su strade anche secondarie e non, come ci si aspetterebbe, un lotto con affaccio sulla piazza o via principale del quartiere (anche in questo caso dove il piazzale degli Eroi è veramente prossimo e presenta già in affaccio edilizia civile e di servizio, come le scuole elementari e l’ospedale oftalmico).

La chiesa fu aperta al culto il 24 maggio 1912.

http://www.conservatoriovictoriadelosangeles.es/

Fabio Pompei

Author: Fabio Pompei

Nato e cresciuto a Roma, laureato in Ingegneria Informatica ha poi proseguito gli studi con il dottorato di ricerca in Ingegneria Elettronica presso l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” dove si occupa di programmi europei di ricerca sulle Smart City. Nel 2011 a Lecce ha ricevuto il premio “Fibonacci” ed è stato nominato “Informatico dell’Anno”. Attualmente Quadro in una nota azienda di telecomunicazioni dove ha seguito anche attività internazionali (Spagna e sud-america). Professore in un ateneo romano è titolare delle cattedre di: “Sistemi e Tecnologie Web” e di “Calcolatori e Sistemi Operativi” – corso di laurea in Ingegneria Informatica. Appassionato della città di Roma, di cultura e di politica.

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *