Festival della sostenibilità al Campidoglio il 28 maggio 18

Il festival: prima edizione

La prima edizione del Festival italiano dello Sviluppo Sostenibile, con i 221 eventi organizzati in 17 giorni su tutto il territorio nazionale, ha dimostrato che la società civile, le università, gli enti locali e tanti soggetti del mondo economico sono pronti ad impegnarsi per costruire, pur nelle difficoltà presenti, un futuro più equo e sostenibile per l’Italia e i suoi cittadini.

Il festival alla sua seconda edizione

Il Festival 2018 è in corso e terminerà il 7 giugno 2018, l’obiettivo è quello di coinvolgere fasce sempre più ampie della popolazione sui temi della sostenibilità e di stimolare decisori privati e pubblici perché assumano iniziative concrete e rilevanti per migliorare le condizioni economiche, sociali e ambientali del nostro Paese.

Obiettivi

Dopo la sottoscrizione dell’Agenda 2030 e degli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs – Sustainable Development Goals) da parte dell’Assemblea Generale dell’Onu nel settembre 2015, organizzazioni internazionali, governi nazionali ed enti territoriali, associazioni imprenditoriali e della società civile si stanno mobilitando in tutto il mondo per disegnare e realizzare politiche e strategie volte a conseguire i 17 Obiettivi e i 169 Target su cui tutti i Paesi del mondo si sono impegnati.

L’organizzazione

Nel contesto di questa ampia mobilitazione, l’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS), che riunisce oltre 180 soggetti del mondo economico e sociale, organizza ogni anno insieme ai suoi Aderenti e con il supporto dei partner il Festival dello Sviluppo Sostenibile, una grande manifestazione di sensibilizzazione e di elaborazione culturale-politica, diffusa su tutto il territorio nazionale. Il Festival rappresenta il principale contributo italiano alla Settimana europea dello sviluppo sostenibile (Esdw – European Sustainable Development Week) e si svolge nell’arco di 17 giorni (22 maggio-7 giugno), tanti quanti sono gli SDGs, durante i quali vengono organizzati centinaia di eventi per richiamare l’attenzione sia sui 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile, sia su dimensioni trasversali che caratterizzano l’Agenda 2030, dall’educazione alla finanza per lo sviluppo sostenibile, dagli strumenti per il disegno e la valutazione delle politiche alle modifiche degli assetti istituzionali per favorire le politiche per lo sviluppo sostenibile. Oltre agli eventi convegnistici, il Festival propone anche incontri con personaggi di spicco ed esperti in modo più informale, comprendendo anche attività culturali e di spettacolo (cinema, teatro, mostre, eventi enogastronomici, flash mob).

Perchè il festival?

Il Festival nasce per coinvolgere e sensibilizzare fasce sempre più ampie della popolazione sui temi dello sviluppo sostenibile, andando anche oltre gli addetti ai lavori. E’ rivolto dunque sia agli operatori economici e sociali e agli esperti delle materie oggetto degli eventi, sia a tutti i cittadini interessati a conoscere o approfondire i diversi temi dell’Agenda 2030.

Il Festival 2018

L’obiettivo del Festival è quindi quello di diffondere la cultura della sostenibilità, rendere lo sviluppo sostenibile un tema di attualità e richiamare l’attenzione nazionale e locale sulle problematiche e le opportunità connesse al raggiungimento degli SDGs, contribuendo in questo modo a portare l’Italia su un sentiero di sostenibilità. Più in dettaglio il Festival intende:

– contribuire a far sì che lo sviluppo sostenibile, nelle sue diverse dimensioni (dalla lotta alla povertà a quelle contro i cambiamenti climatici e tutte le forme di disuguaglianza, dall’impegno per l’innovazione, l’occupazione e l’educazione di qualità alla tutela dell’ambiente), diventi la prospettiva condivisa del Paese;

– promuovere un cambiamento culturale e di comportamenti individuali e collettivi;

– stimolare richieste che “dal basso” impegnino la leadership del Paese al rispetto degli impegni presi;

– dare voce ai cittadini, alle imprese, alle amministrazioni locali e alla società civile per favorire il dialogo, il confronto e la condivisione di best practice sui temi dell’Agenda 2030 e far nascere nuove idee e soluzioni per la sostenibilità del Paese. È infatti necessario l’impegno di tutte/i e a tutti i livelli (istituzionale, politico, imprenditoriale e della società civile) per far sì che lo sviluppo sostenibile diventi il tema prioritario dell’agenda nazionale, politica ed economica.

L’iniziativa del 28 maggio al Campidoglio, organizzata in collaborazione con l’Università degli Studi di Roma Tor Vergata prevede la seguente agenda:

28 Maggio al Campidoglio!

Lunedì 28 maggio – ore 9 – Sala del Carroccio, Piazza del Campidoglio, 8 ROMA

08:30 Apertura delle registrazioni

Prima Sessione – Moderatore Sandro Capitani- Giornalista Rai
09:00 Prof. Giuseppe Novelli – Rettore Università Roma Tor Vergata – Saluti istituzionali
09:15 Prof. Nathan Levialdi – Direttore del Dipartimento di Ingegneria dell’Impresa, Università Roma Tor Vergata – Saluti istituzionali
09:30 Flavia Marzano – Assessore Roma Semplice – Introduzione al Festival
10:00 Prof. Enrico Giovannini – Portavoce ASviS – “La sostenibilità e il Festival”
10:30 Prof. Antonio Nicita – Commissario AGCOM (Autorità per le garanzie nelle comunicazioni) – “La digitalizzazione al servizio della sostenibilità”
11:00 Prof. Carlo Maria Medaglia – Prorettore alla Ricerca Link Campus University, Capo segreteria tecnica del Ministro dell’Ambiente – “Innovazione e sostenibilità: due leve per un nuovo rinascimento”
11:30 Ing. Stefano Armenia, Link Campus University e Presidente del SYDIC, il Chapter Italiano della System Dynamics Society- “L’approccio sistemico allo sviluppo sostenibile”
12:00 On. Stefano Quintarelli – “Sostenibilità della democrazia e tecnologia”
12:30 On. Mirella Liuzzi – “Il 5G per la valorizzazione dei beni culturali e lo sviluppo del turismo”
13:00 Prof. Alberto Gambino – Prorettore dell’Università Europea di Roma, Presidente IAIC (Accademia Italiana del Codice di Internet) – “Il recepimento del regolamento GDPR in Italia”
13:30 Prof. Maurizio Matteo Decina, Prof. Fabio Pompei, Dott. Alessandro Alongi (Manager) – “Sostenibilità nelle Smart City”

Lunch Break

Seconda Sessione – Moderatore Gildo Campesato – Direttore Corriere delle Comunicazioni
14:30 Dott. Luigi Ferrata – Segretariato ASviS – “l’Italia e l’Agenda 2030”
15:00 Prof. Alfonso Pecoraro Scanio – Università Roma Tor Vergata e Milano-Bicocca, Presidente Fondazione UniVerde – “Turismo sostenibile ed ecoturismo”
15:30 Prof. Augusto Preta – “Data Driven Economy e nuovi scenari delle comunicazioni”
16:00 On. Eugenio Patanè, On. Michela Di Biase – Consiglieri Regionali – “Regione Lazio e sostenibilità”
16:30 Prof. Gianni Orlandi – Università Sapienza – “L’impegno accademico nella sostenibilità”
17:00 Dott. Roberto Garavaglia – Management Consultant & Innovative Payments Strategy Advisor, “e-Democracy e Blockchain: costi e benefici … sostenibili”
17:30 Ing. Andrea Andreuzzi – Energy Officer Confindustria – “Sviluppo e Turismo sostenibile: il contributo del settore energetico”
18:00 Prof. Berta Buttarazzi, Prof. Michele Angelaccio – Università Roma Tor Vergata – “Ecointelligence finalizzata alla sostenibilità”

Conclusioni

Riferimenti

http://asvis.it/festival/

Fabio Pompei

Author: Fabio Pompei

Nato e cresciuto a Roma, laureato in Ingegneria Informatica ha poi proseguito gli studi con il dottorato di ricerca in Ingegneria Elettronica presso l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” dove si occupa di programmi europei di ricerca sulle Smart City. Nel 2011 a Lecce ha ricevuto il premio “Fibonacci” ed è stato nominato “Informatico dell’Anno”. Attualmente Quadro in una nota azienda di telecomunicazioni dove ha seguito anche attività internazionali (Spagna e sud-america). Professore in un ateneo romano è titolare delle cattedre di: “Sistemi e Tecnologie Web” e di “Calcolatori e Sistemi Operativi” – corso di laurea in Ingegneria Informatica. Appassionato della città di Roma, di cultura e di politica.

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *