I colori della primavera al laghetto Eur

NeaPolis Roma offre visite di gruppo nei luoghi più suggestivi di Roma per gruppi, coppie, singoli. Per informazioni clicca qui

Ogni anno a primavera c’è un evento che coinvolge sotto il segno di un’esplosione di colori romani e giapponesi: la fioritura dei sakura (ciliegi) al laghetto Eur.

In lingua giapponese la pratica di sedersi a godere delle bellezze che madre natura ci riserva al risorgere della bella stagione ha un nome specifico: hanami, letteralmente “ammirare i fiori”. Estremamente suggestivo pensare che  in Giappone una cosa così semplice abbia un riconoscimento vero e proprio e una tradizione millenaria che si rinnova ogni anno attraverso una migrazione in massa verso i luoghi che permettono di assistere alle fioriture più spettacolari, sempre accompagnati da un sostanzioso pic nic.

Sakura, laghetto Eur

A Roma non possiamo vantare più di 50 anni di fiori: nel 1959 venne inaugurata la strada pedonale e ciclabile che attraversa il Parco Laghetto dell’Eur denominata proprio “Passeggiata dal Giappone” e in quell’occasione il primo ministro giapponese Nobusuke Kishi volle far dono alla città di alcuni alberi di ciliegio giapponesi, inaugurando anche da noi questa pratica.

Scendendo dalle scale che ci conducono all’ingresso del parco veniamo subito accolti dalle chiome degli alberi che come piccoli fuochi d’artificio esplodono verso il cielo, mosse soltanto da una lieve brezza primaverile. Il viale alberato segue il contorno dello specchio d’acqua come abbracciandolo e regalando scorci paesaggistici quasi impensabili per un quartiere tanto trafficato, una piccola oasi in cui ritrovare il contatto con la natura nel pieno del suo rigoglio.

Laghetto Eur, sakura

Bisogna soltanto ricordare che la fioritura dei sakura è estremamente breve; giunti all’apice del proprio splendore, i delicati fiori bianchi tendono ad appassire presto, lasciando un tappetto variopinto sul terreno. I giorni migliori quest’anno sono i primi di aprile, lievemente in ritardo rispetto alle tempistiche abituali a causa delle temperature piuttosto basse: armiamoci di una sciarpa leggera, lo spettacolo ne vale davvero la pena!

Il laghetto Eur è aperto al pubblico tutti i giorni, senza limitazioni di orario nè biglietto di ingresso. Sul laghetto è anche possibile affittare dei pedalò per osservare il paesaggio da una prospettiva diversa e lasciarsi cullare dal lieve movimento dell’acqua.

 

 

Sara Fabrizi

 

 

Sara Fabrizi

Author: Sara Fabrizi

Classe '92, laureata in Filologia Moderna all'Università di Roma "La Sapienza", redattrice per NéaPolis e Tutored. Gestisco due blog "Parole in viaggio" dedicato all'arte e ai luoghi d'Italia e "Storie dal cassetto", raccolta di racconti brevi soprattutto a carattere psicologico. Un mio racconto "Il battesimo del fuoco" è stato selezionato e pubblicato nell'antologia "I racconti di Cultora. Centro-sud" seconda edizione per Historica edizioni nel 2015. Sono membro fondatore dell'associazione "La parola che non muore" e responsabile dell'ufficio stampa per il Festival omonimo a Civita di Bagnoregio, inaugurato nel 2015.

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *