Articoli

Visita guidata nella Roma Criminale: il caso Orlandi

Posted by on 10:28 in All, Arte, Cultura, Roma Nascosta | 0 comments

Visita guidata nella Roma Criminale: il caso Orlandi

Roma Nascosta vi porta alla scoperta della Roma Criminale Appuntamento: venerdì 22 giugno, ore 21:00 in Piazza della Consolazione, davanti la Chiesa di Santa Maria della Consolazione (LUOGO DI ARRIVO: CASTEL SANT’ANGELO) Orario inizio: 21:15 (termine visita 22:50) Costo unico per associati 2018: 9€ Costo unico per NON associati (comprende iscrizione associazione neaPOLIS/Roma Nascosta fino al 31 dicembre 2018): 15€ Costo speciale per famiglie: gli UNDER 18 3€ (comprensivo di quota associativa) Invalidi: 10€ (comprensivo di quota associativa) Cuffie: 2€ l’una PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA: scrivendo una mail a info@romanascosta.net o mandando SMS o WhatsApp al numero 380/1473193. Per avere copia della nostra pubblicazione “Roma Nascosta” scriverci al momento della prenotazione. Roma Criminale: alcune anticipazioni Roma. Una città, mille volti. C’è la Roma dei re, quella repubblicana, quella degli imperatori, dei Papi e così via. C’è la Roma del cinema, dello spettacolo, dei gladiatori nelle arene, delle battaglie navali. C’è la Roma bella del Rinascimento, della moderna epoca barocca. E la Roma un po’ hippie dei ’60/’70, fino a quella caoticamente amabile di oggi. Ma c’è anche una Roma, meno famosa e celebrata, che nasconde il proprio volto dietro una maschera di sangue: è la Roma dei gialli, dei misteri soluti o ancora irrisolti, la Roma degli omicidi e dei tradimenti, dall’alba dei tempi ai giorni nostri. Questo lato insolito e sconosciuto verrà approfondito nella nostra visita guidata “Roma Criminale”, in cui vi sveleremo il volto della Capitale tramite i casi più celebri di cronaca nera. Tra questi, il caso Orlandi. Il caso Orlandi Il 22 giugno del 1983 Emanuela Orlandi, quindicenne cittadina vaticana, figlia di un commesso della Prefettura pontificia, sparì. Quello che inizialmente sembrò un caso piuttosto comune di sparizione o magari fuga di un’adolescente, si trasformò in poco tempo in uno dei più bollenti e oscuri misteri che l’Italia abbia mai dovuto affrontare. Un caso capace di coinvolgere lo Stato Vaticano, quello italiano, lo IOR, il Banco Ambrosiano, vari servizi segreti e anche la Banda della Magliana. Nel luglio del 2005, a ventidue anni dalla scomparsa, a Chi l’ha visto? un anonimo informatore disse che per risolvere il caso bisognava vedere chi era sepolto nella basilica di Sant’Apollinare e indagare sul “favore che Renatino fece al cardinal Poletti”. Il defunto in questione era Enrico De Pedis, uno dei boss della Banda della Magliana, lì sepolto per volere del cardinale Ugo Poletti, ex presidente della Cei. Seguirono altre telefonate al programma di Rai Tre, con tanto di minacce. Le indagini proseguirono, tra nuovi indizi e tentativi di sviamento. Vennero alla luce i contatti tra il Vaticano e la Banda della Magliana, con un giro di soldi investiti, richieste di restituzioni, minacce e attentati. Il 14 maggio del 2012 fu finalmente aperta di De Pedis, ma al suo interno non fu trovato nulla di rilevante ai fini delle indagini. E così il mistero è rimasto tale, fino ad oggi…...

read more

Roma Criminale: visita guidata inedita per scoprire la capitale attraverso i casi di cronaca nera

Posted by on 16:02 in All, Arte, Cultura, Evidenza, Roma Nascosta | 0 comments

Roma Criminale: visita guidata inedita per scoprire la capitale attraverso i casi di cronaca nera

Appuntamento: venerdì 22 giugno, ore 21:00 in Piazza della Consolazione, davanti la Chiesa di Santa Maria della Consolazione (LUOGO DI ARRIVO: CASTEL SANT’ANGELO) Orario inizio: 21:15 (termine visita 22:50) Costo unico per associati 2018: 9€ Costo unico per NON associati (comprende iscrizione associazione neaPOLIS/Roma Nascosta fino al 31 dicembre 2018): 15€ Costo speciale per famiglie: gli UNDER 18 3€ (comprensivo di quota associativa) Invalidi: 10€ (comprensivo di quota associativa) Cuffie: 2€ l’una PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA: scrivendo una mail a info@romanascosta.net o mandando SMS o WhatsApp al numero 380/1473193. Per avere copia della nostra pubblicazione “Roma Nascosta” scriverci al momento della prenotazione.   Roma Nascosta ha elaborato per voi un percorso inedito: la “Roma Criminale”! Vi porteremo a passeggiare per le vie del centro raccontandovi il fascino della Capitale tramite i casi più famosi di cronaca nera. Vedremo luoghi famosi in un’ottica insolita, avvolti nel mistero della notte estiva… La passeggiata partirà da Piazza della Consolazione, passerà per via delle Botteghe Oscure (dove fu trovato il corpo di Aldo Moro), per il Pantheon, per Piazza Navona e si concluderà a Castel Sant’Angelo che, come potete leggere nel seguito dell’articolo, non è stato sempre e solo teatro di arte e cultura… Castel Sant’Angelo, simbolo della storia criminale di Roma Castel Sant’angelo è stato costruito nel 139 d.c. per volontà dell’imperatore Adriano che voleva utilizzarlo come sepolcro per sé e per i suoi successori. Il Mausoleo divenne ben presto un valido riparo delle Mura Aureliane, probabilmente ad opera di Onorio nel 403 d.C.: da allora la Mole Adriana iniziò ad essere una difesa per l’accesso in città dal nord. Mentre tutti  gli altri monumenti di epoca romana sono state vittime di saccheggi, guerre che hanno rovinato o addirittura distrutto l’opera originaria, il Castello di Sant’Angelo accompagna per quasi 2000 anni le sorti e la storia della capitale. Nel corso del tempo il castello è stato utilizzato in diversi modi.  Nato come  monumento funerario si è trasformato come avamposto fortificato, come splendida dimora rinascimentale, come Museo. Non solo. Castel Sant’angelo è stato anche un oscuro e terribile carcere dove, tra l’altro, sono passati artisti che hanno contribuito a scrivere la storia di Roma. Benvenuto Cellini era uno di questi. Scultore, orafo, trattatista, argentiere e scrittore, considerato tra i più importanti artisti del Manierismo. Nel 1527 si distinse per aver difeso Papa Clemente e Castel Sant’Angelo durante il Sacco di Roma, contribuendo all’uccisione , con un colpo di archibugio, del comandante Carlo III di Borbone. Successivamente, però, venne accusato di essersi reso protagonista, durante il Sacco di Roma, di alcuni furti, e per questo imprigionato a Castel Sant’Angelo. Dopo aver passato un lungo periodo nella prigione papale, Cellini fu protagonista di una rocambolesca fuga, rifugiandosi in Francia.   Beatrice Cenci, invece, era una nobildonna romana figlia del conte Francesco Cenci, uomo violento e dissoluto. Dopo la morte della madre fu trasferitapresso le monache francescane del Monastero di Santa Croce a Montecitorio. Ritornata in famiglia all’età di quindici anni, trovò un ambiente a dir poco problematico e fu costretta a subire le violenze del padre. Esasperata dalle malefatte e dagli abusi sessuali paterni, Beatrice organizzò l’omicidio di Francesco con la complicità della matrigna Lucrezia e dei fratelli Giacomo e Bernardo.  Per questo reato, Beatrice fu condannata alla decapitazione che avvenne scena nella piazza di Castel Sant’Angelo la mattina dell’11...

read more

Capolavori unici tra arte e illusione: visita guidata a Palazzo Spada

Posted by on 10:28 in All, Arte, Cultura, Roma Nascosta | 0 comments

Capolavori unici tra arte e illusione: visita guidata a Palazzo Spada

Eccezionale visita guidata a Palazzo Spada: informazioni utili Appuntamento: Sabato 9 giugno, ore 10:40 in piazza Capo di Ferro 13 Orario inizio: 11:00 (termine visita alle ore 12:40) Costo unico per associati 2018: 15€ Costo unico per NON associati: 20€ (comprende iscrizione associazione neaPOLIS/Roma Nascosta fino al 31 dicembre 2018) N.B.: data l’eccezionalità della visita, non sono previste agevolazioni di alcun genere Cuffie: 2€ l’una (obbligatorie oltre le 15 persone) PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA: scrivendo una mail a info@romanascosta.net o mandando SMS o WhatsApp al numero 3801473193. Al momento della prenotazione dovrete indicare Nome, Cognome, Luogo e Data di Nascita, numero di un Documento d’Identità in corso di validità, il tutto entro il 4 giugno alle ore 20:00. Visita guidata a Palazzo Spada: la prospettiva di Borromini Innumerevoli palazzi signorili rendono Roma non solo la capitale d’Italia, ma anche quella del Barocco nostrano. Tra questi, un posto d’onore è lecito assegnarlo a Palazzo Spada, il luogo in cui l’arte incontra l’illusione. Edificio costruito nel 1540 per il cardinale Girolamo Recanati Capodiferro, e situato nell’omonima piazzetta alle spalle di Campo de’ Fiori, ospita quest’oggi il Consiglio di Stato e la Galleria Spada, al cui interno sono custodite le preziose collezioni del cardinale Bernardino Spada. Al di là delle grandiose pitture in esso conservate, il Palazzo è però divenuto celebre negli anni per la curiosa falsa prospettiva costruita da Francesco Borromini nell’androne dell’accesso al cortile. Un vero e proprio capolavoro di trompe-l’oeil voluto dal cardinale Spada poco dopo l’acquisto del palazzo. Con un abile gioco di prospettive (per la costruzione Borromini si avvalse della collaborazione del matematico Giovanni Maria da Bitonto), l’architetto riuscì a far sì che la galleria, lunga 8 metri, apparisse agli occhi dell’osservatore ben 30 metri più lunga. La Galleria Spada Ma Palazzo Spada è più che una pur valida illusione. All’interno delle quattro sale d’esposizione della Galleria possono essere ammirate infatti opere dei più grandi maestri del Barocco, del Manierismo e della pittura fiamminga: da Tiziano a Rubens, da Caravaggio al Parmigianino, passando per Jan Brueghel il Vecchio e molti altri ancora. Al primo piano dello splendido Palazzo si può inoltre ammirare una colossale statua di Pompeo Magno, ritrovata nel 1552 nel vicolo dei Leutari. Secondo la leggenda, si tratterebbe della medesima statua al cui cospetto cadde Giulio Cesare nel giorno delle Idi di marzo del 44 a.C., trafitto da ventitré pugnalate. Anche stavolta, Roma Nascosta vi porta a visitare dunque un vero gioiello di storia, arte e cultura della nostra amata...

read more

Visita a Palazzo Barberini con ingresso saltafila

Posted by on 16:35 in All, Arte, Cultura, Evidenza, Roma Nascosta | 0 comments

Visita a Palazzo Barberini con ingresso saltafila

Roma Nascosta offre l’opportunità di visitare Palazzo Barberini con il biglietto saltafila. Prenota e segui le istruzioni riportate qui sotto: Appuntamento: Domenica 3 giugno, ore 10:10 in Via delle IV Fontane Orario inizio: 10:30 (termine visita alle ore 12:00) Costo unico per associati 2018 e convenzionati: 9€ Costo unico per NON associati: (comprende iscrizione associazione neaPOLIS/Roma Nascosta  fino al 31 dicembre 2018): 15€ Costo speciale per famiglie: gli UNDER 18: 3€ (comprensivo di quota associativa) Invalidi: 10€ (comprensivo di quota associativa) Cuffie: 2€ l’una PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA: scrivendo una mail a info@romanascosta.net o mandando SMS o WhatsApp al numero 3801473193. Per avere copia della nostra pubblicazione “Roma Nascosta” scriverci al momento della prenotazione. Alcune anticipazioni… A partire dal Quattrocento, quasi ogni Papa, subito dopo l’elezione al soglio pontificio, assicurava a Roma un nuovo palazzo. Non sfugge a questo destino Palazzo Barberini, voluto da Papa Urbano VIII che affidò il lavoro a Carlo Maderno nel 1623. In seguito alla morte dell’architetto, il lavoro passò a Gian Lorenzo Bernini. Entrambi, tra l’altro, contarono sul’importante collaborazione di Francesco Borromini. Palazzo Barberini ospita parte dell’importante collezione della Galleria Nazionale d’Arte Antica, che accoglie opere prodotte tra il XIII e il XVIII secolo, tra cui alcuni capolavori di Tiziano, Tintoretto, El Greco e Caravaggio. Molto ben rappresentata, inoltre, è anche la pittura del Settecento. Si articola in nuclei per scuole che forniscono un quadro completo e conforme per qualità della pittura italiana del periodo, con in più un raro nucleo di dipinti francesi del Settecento. Palazzo Barberini è un esempio di architettura riadattata e ampliata. Originariamente, il palazzo era di proprietà degli Sforza: quando il Papa affidò l’incarico di costruire un nuovo palazzo,  Carlo Maderno pensò di allargalo invece di demolirlo per costruirne uno nuovo. L’idea dell’architetto (poi messa in pratica) era quella di costruire  una seconda ala collegata a quella preesistente da un braccio centrale che dava così alla costruzione una caratteristica innovativa, a forma di H. Il tocco di Borromini, che coadiuvò sia Maderno sia Bernini, è evidente in alcuni dettagli come la celebre scala elicoidale che si snoda intorno ad un vano ellittico e conduce agli ambienti adibiti a biblioteca. La scala, insieme a quella progettata da Bernini secondo i canoni cinquecenteschi, accompagna ad un’altra meraviglia del palazzo: il grande salone di rappresentanza, la cui decorazione venne affidata a Pietro da Cortona, la cui prospettiva inconfondibile ci ha regalato il monumentale affresco della volta “Il trionfo della Divina Provvidenza”. La facciata è formata da sette campate che si ripetono su tre piani di arcate sostenute da colonne rappresentanti i tre stili classici (dorico, ionico e corinzio). Tramite le arcate più basse si accede al piano terra entrando in un ampio atrio ellittico fiancheggiato da due scale nei lati e nel quale, centralmente si apre una scala che porta ai giardini, posti ad un livello più alto del piano...

read more

Apertura eccezionale Necropoli di Villa Pamphilj: visitala con Roma Nascosta

Posted by on 16:26 in All, Arte, Cultura, Evidenza, Roma Nascosta | 0 comments

Apertura eccezionale Necropoli di Villa Pamphilj: visitala con Roma Nascosta

Visita alla Necropoli di Villa Pamphilj: informazioni utili Appuntamento: Sabato 26 maggio, ore 10:10 in via Aurelia Antica 111 Orario inizio: 10:30 (termine visita alle ore 12:00) Costo unico per associati 2018: 15€ Costo unico per NON associati: 20€ (con tessera valida fino al 31 dicembre 2018) N.B.: data l’eccezionalità della visita, non sono previste agevolazioni di alcun genere Cuffie: 2€ l’una PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA: scrivendo una mail a info@romanascosta.net o mandando SMS o WhatsApp al numero 3801473193. Al momento della prenotazione dovrete indicare Nome, Cognome, Luogo e Data di Nascita, numero di Carta d’Identità da comunicare alla Sovrintendenza dei Beni Archeologici. Per avere copia della nostra pubblicazione “Roma Nascosta” scriverci al momento della prenotazione. Necropoli di Villa Pamphilj Chi di voi, passeggiando per la meravigliosa Villa Pamphilj, ha mai pensato a quello che nasconde il sottosuolo del parco? Chi di voi si è mai chiesto che cosa si celasse sotto il manto verde tra sentieri sinuosi e pini marittimi? Forse non tutti sanno che, accanto allo splendido Casino del Belvedere, gioiello barocco dell’Algardi e oggi sede di rappresentanza della Presidenza del Consiglio, Villa Pamphilj ospita un’estesa area funeraria di epoca romana. Roma Nascosta vi porta a scoprirla! Visiteremo i principali Colombari, il Grande, il Piccolo e quello di Scribonio Menofilo, ammirando insieme gli incredibili affreschi che ornavano le pareti di questi loculi. Capiremo insieme perché qui, lungo l’antica Via Aurelia, sia stata preferita questa tipologia funeraria a discapito di altre. Faremo un salto nel passato, tra il I sec. a.C. e il II sec. d.C., ricordando i defunti che qui hanno trovato degna sepoltura. Guarderemo Villa Pamphilj da una prospettiva insolita e affascinante! Partiremo ammirando dall’ingresso di Villa Algardi, di solito aperto solo ai Capi di Stato, la magnifica cupola di San Pietro, prima di immergerci negli scavi sotto il livello del suolo…...

read more