E’ uscito: “IO SONO TE” di Roberto Pompei

Io sono te di Roberto Pompei

Si dice che una cosa, anche se sembra impossibile, per il solo fatto di averla pensata sia…possibile.

Quanto sarebbe Fantastico se tutte le conoscenze, le esperienze, il sapere, tutto il nostro bagaglio di ogni vita, potessimo portarlo nelle nostre vite successive?

Quanto cresceremmo nella nostra Consapevolezza se non dimenticassimo tutto questo in ogni vita?

La storia

La storia nasce a Londra e ha, come protagonista, un magnate Presidente della sua Holding. Da ragazzo vive una vita di miseria e povertà, inizia presto a delinquere fino ad arrivare ad un abbastanza lungo periodo di prigionia. Dopo una notte “particolare” cambia atteggiamento e pensieri, iniziando una vita agiata prima, fino a creare un vero e proprio impero internazionale. In tarda età, dopo aver avuto una sorta di Illuminazione, inizia un percorso Spirituale che lo porta in varie parti del mondo, apprendendo infinita conoscenza da Santoni, Sciamani, Yogi, Maestri, Illuminati e personaggi di questa tipologia.

Il suo pensiero fisso diventa: che senso ha tutta questa conoscenza, tutto questo Sapere se, tra poco, abbandonerò la mia vita terrena e non la ricorderò nella prossima vita?

La storia poi riprende a Roma con protagonista un quarantenne Romano, Andrea Proietti, successivamente sposato con una ragazza Americana e, con lei, andato a vivere a San Francisco. Qui aprono un ristorante vivendo una vita abbastanza agiata, non ricca ma agiata.

In uno dei viaggi in cui torna a Roma per trovare i genitori, al gate dell’aeroporto di San Francisco per Roma, fa un incontro con un personaggio stranissimo, una sorta di Santone Indiano che lo mette a disagio, facendogli vivere dei momenti di confusione. Il Santone mantiene uno stato di assenza, parla con il nostro protagonista solo per pochi secondi e sembra conoscerlo bene ma, stranamente, lo chiama con un altro nome, lo chiama Steve, per poi tornare in uno stato di “tranche”.

A questo punto, appena sbarcato a Roma, tramite una serie di situazioni, di incontri, di viaggi in varie parti del mondo, si crea una certezza, in ballo c’è qualcosa di infinitamente importante. Il personaggio strano dell’aeroporto conosce da tempo il nostro protagonista, conosce da tempo i suoi parenti ed amici più stretti e, tutti, stavano aspettando che al nostro protagonista fosse “Rivelato” il suo compito. Il Santone lo guida in una serie di viaggi atti a prepararlo ad un incontro memorabile, l’incontro con se stesso della vita precedente. In questi viaggi “programmati”, conosce persone di altissimo livello Spirituale e, sembra, che tutte queste lo stessero aspettando. Il suo se stesso precedente aveva organizzato tutto capillarmente. Si riuscirà a trasmettere le conoscenze di cui parlavamo?

L’ incontro e la trasmissione avverrà in una Straordinaria e Magica notte all’ interno dell’ Anfiteatro Flavio meglio conosciuto come “Il Colosseo”.

Tuttavia questo incontro non sarà la parte finale della storia, da li il nostro protagonista riceverà non solo le Conoscenze del suo Se Stesso precedente, ma anche una serie di obiettivi che dovrà raggiungere avendo tuttavia a disposizioni enormi risorse economiche/finanziarie. Il suo Se Stesso precedente non gli ha solo trasmesso il suo Sapere ma anche tutte le sue proprietà, in pratica il suo Impero economico. Il suo Se Stesso precedente aveva organizzato veramente tutto nel senso più completo della frase.

Questi obiettivi verranno comunque raggiunti anche se faranno parte del seguito della storia in un altro manoscritto già iniziato.

L’autore

Operatore Olistico, Scrittore, esperto in regressione alle vite precedenti, Trainer e Formatore. Da anni si dedica allo studio dell’Energia, della Consapevolezza e della Coscienza, per crescere nella Formazione, nella sua evoluzione personale e soprattutto per aiutare le persone in quanto, come spesso ripete, aiutare gli altri è semplicemente aiutare se stessi.

 

Recensione di Antonio Valmaggia

Ho apprezzato molto “Io sono Te” di Roberto Pompei, un opera interessante e sopratutto originalissima nel panorama delle pubblicazioni sulla crescita personale e spirituale.

In questo libro, scritto con una prosa forte ed incisiva, ritrovo lo spirito e le caratteristiche peculiari che contraddistinguono Roberto, ovvero un aspetto pratico e concreto che lo radica alla realtà umana e terrena e un lato spirituale sottile, quasi  rarefatto, di rara qualità.

Il lettore ha la possibilità di cimentarsi in una ricerca continuamente stimolata dai tantissimi spunti di riflessione che l’autore propone, spunti di riflessione a volte celati tra le righe del periodare e a volte invece più manifesti e più diretti,  quasi provocatori…

Leggendo il libro di Roberto non si può non riflettere, non ci si può distrarre, lui mantiene una tensione intellettuale sempre alta incuriosendo di continuo  il lettore, a volte anche spiazzandolo con concetti importanti e spesso chi legge non ha una consapevolezza diretta di questa importanza… si fa cogliere da lei, si fa attraversare.

Roberto, con la generosità che da sempre lo contraddistingue, da a piene mani le sue conoscenze ma non le insegna, non le impone, le propone.

Solo chi é veramente pronto coglie nella loro interezza ciò che l’autore offre senza offrire.

Roberto in questo suo scritto percorre il mondo nascosto e sconfinato delle possibilità che si rincorrono, che si incontrano, che si respingono e che vanno sempre al di là della realtà apparente.

Il valore di questa opera consiste anche nel fatto che se mille persone la leggono, mille persone apprendono cose diverse ma sempre utili per loro nel momento attuale della loro esistenza.

Roberto da a tutti il passepartout per entrare nel mondo che vogliono vedere, ma non é lui che apre quella porta, la fa aprire da chi lo vuole fare e alcuni lo fanno da soli e a volte nemmeno lo sanno…

Chi legge deve immaginare un oltre al di là della trama, trama che comunque é interessante e stimolante, ma deve trascendere l’apparenza, quell’apparenza ben confezionata da Roberto sotto la quale passano cose di rara importanza e perché no, di rara bellezza, per uno spirito curioso ed evoluto che sa cercare.

Author: Redazione

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *