Il Don Giovanni. Vivere è un abuso, mai un diritto.

Uno spettacolo di e con Filippo Timi

attori: Umberto Petranca, Alexandre Styker, Lucia Mascino, Matteo De Blasio, Elena Lietti, Fulvio Accogli, Marina Rocco, Roberto Laureri

regia e scena Filippo Timi luci Gigi Saccomandi

costumi Fabio Zambernardi

in collaborazione con Lawrence Steele

assistente regia Fabio Cherstich

In scena al teatro Argentina, Roma, dal 3 al 15 marzo 2015.

 

filippo timi don giovanni

Se avete intenzione di immergervi in un spettacolo sfrontato, folle, miscredente e fuori dagli schemi, il Don Giovanni di Filippo Timi fa per voi!

Uno spettacolo dove l’esagerazione e l’imprevedibilità diventano la parola chiave, dove viene abbandonata la linea classica di Molière per favorire scenografie alla Kubrick, con quinte dorate e pavimenti colorati.

Sontuosi e sgargianti i costumi firmati da Fabio Zembernardi, che riprendono il settecento mettendo in risalto i difetti dei vestiti tipici dell’epoca: gonne abnormi, scarpe di plastica con fiocchi e tacchi vertiginosi, mantelle ultra-floreali e fatte con gonne femminili incollate una sull’altra.

Per tutto lo spettacolo il pubblico si trova sospeso nella frenesia di battute spudorate e verità svelate in chiave provocatoria e grottesca, che portano ad una riflessione su una società moderna, autodistruttiva e immorale, che viene portata in scena egregiamente dal regista e protagonista.

don giovnni 3

Sorprendente l’interpretazione di tutti gli attori partendo dai due servitori effeminati e isterici Leporello (Umberto Petranca) e Ludovico (Alexander Styker), arrivando alla coppia immatura e perversa composta da Don Ottavio (Matteo De Blasio) e Donna Anna (Elena Lietti), per non parlare della fantastica performance di Zerlina (Marina Rocco) e Masetto (Roberto Laurieri) che vanno a incarnare una leggerezza e ignoranza popolana alla Claudia Gerini e Carlo Verdone, mentre Donna Elvira (Lucia Mascino) è rappresentata come la Regina Rossa di Tim Burton alle prese con un amore travolgente e devastante allo stesso tempo, e per ultimo, ma non ultimo, il Commendatore (Fulvio Accogli) che con l’elio e l’accento sardo ci fa vivere attimi di ansia e ironia allo stesso tempo.

Chi ha già visto Filippo Timi conosce la sua bravura e la sua capacità di provocare, chi non lo ha ancora visto, si prepari e si aspetti di tutto, ma ne varrà la pena: in fin dei conti è sempre il Don Giovanni.

Giulia Angius

Author: Giulia Angius

Sono nata a Cagliari ma vivo a Roma dal 2009. Mi sono laureata in Psicologia del Lavoro alla Sapienza. Amo il cinema in tutta la sua varietà e le sitcom statunitensi che reputo di qualità. Studio recitazione da dieci anni. Il teatro per me è come l'ossigeno!

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *